2009-08-19-439.jpg2011-11-15-455.jpg2013-05-24-479.jpg2013-06-26-484.jpg2014-09-16-499.jpg2014-11-09-503.jpgGTP-2013-09-23-1692.jpgGTP-2013-10-16-1445.jpgGTP-2013-11-28-1335.jpgGTP-2013-11-28-1347.jpgGTP-2014-02-17-1020.jpgGTP-2014-02-18-934.jpgGTP-2014-04-24-68.jpgGTP-2014-04-24-80.jpg

Chi sono? Cosa sono?

Dare una definizione di sé stessi non è mai particolarmente facile: vuoi per evitare di darti delle inutili arie, vuoi per evitare di sminuirti, fatto sta che cercare quella invisibile linea immaginaria che si pone nel mezzo è ricerca assai ardua da compiere.
Forse la cosa più corretta è essere asciutti e sintetici: italiano, sposato con Erica e padre di tre meravigliose bambine che causano un continuo ed allegro delirio in casa, ho studiato "Conservazione dei Beni Culturali" all'Università di Bologna, nella sede staccata di Ravenna. Credo questa sia stata una delle esperienza culturalmente più forti della mia vita, all'interno della quale ho coltivato il mio amore per la nostra eredità storica, per il cinema, per la musica, la fotografia e le nuove tecnologie.Il tutto si è fuso insieme in quello (sfortunato) progetto che ancora oggi è per me croce e delizia: il Grand Tour Project.
Questo progetto software richiedeva di trovare la migliore angolazione per una ripresa video, la migliore luce per uno scatto con la macchina fotografica, di creare musiche originali per meglio accompagnare i documentari in esso contenuti. Il tutto provando di andare di pari passo con le più recenti tecnologie informatiche per la creazione di un'app meravigliosa che potesse illustrare meglio il nostro patrimonio storico artistico.

Ho musicato commedie, spettacoli, decine di ore di documentari, spingendomi anche nella creazione di testi per la pratica musicale.

Parallelamente a tutto questo coltivo anche la passione per la politica-che-non-c'è, un misto di meritocrazia e liberalismo che in Italia sembra essere divenuto oggi una lettera morta: il mio odierno ruolo di imprenditore locale nella storica azienda di famiglia mi pone spesso in conflitto con temi importanti della società, risolti spesso a mio parere in maniera affrettata e conveniente solo a raccattare voti posticci.

Ma adesso mi fermo.
Meglio leggiate ciò che penso, piuttosto che quello che affermo di me stesso: lo trovo anche più onesto! :-)